Un confronto ed un aggiornamento sui disturbi specifici dell’apprendimento e sui bisogni educativi speciali. Con questo obiettivo,  il 13 e il 14 settembre, si é svolto alla cittadella dell’Oasi di Troina, il convegno sui DSA e BES rivolto agli operatori sanitari, pedagogisti, insegnanti e studenti universitari. Una due giorni di incontri per analizzare e studiare, iniziando proprio dallo screening e dalla diagnosi, gli interventi da attuare sia a scuola che in famiglia nei confronti dei bambini con disagi.

Disturbi specifici dell’apprendimento: un buon lavoro di équipe che coinvolga la famiglia, i bambini e la scuola può contribuire a superare le difficoltà con cui si confrontano quotidianamente centinaia di alunni.

Serafino Buono, Irccs Oasi

 

Le nuove norme e l’introduzione dei bisogni educativi speciali ( Bes) hanno messo in discussione i modi precedenti di integrazione scolastica, per questo le scuole devono sperimentare un nuovo percorso, secondo anche quanto stabilito dalle ultime circolari ministeriali.

Raffaele Ciambrone, Miur

 

Disturbi dell’apprendimento: bisogna porre l’attenzione sull’apprendimento implicito, nonostante sia automatico molti bambini presentano delle anomalie che rendono più difficile il processo educativo. In questi casi, piuttosto che concentrarsi sulla ripetizione, é importante avvalersi di strumenti compensativi che, così come dimostrato dalle neuro scienze, facilitano il raggiungimento dei risultati prefissati.

Giacomo Stella, università Modena e Reggio Emilia

 

Il disturbo dell’apprendimento potrebbe anche essere considerato come un meccanismo maturazionale evolutivo, che cambia in base a come vengono aiutati i bambini nello sviluppo delle loro funzioni. Ecco che la scuola in questo campo gioca un ruolo fondamentale.

Daniela Lucangeli, presidente Cnis

 

Un ruolo fondamentale nella sinergia tra gli insegnanti di sostegno e quelli curriculari é quello del Cnis, il coordinamento nazionale insegnanti specializzati. La sede di Catania, che coordina tutta la Sicilia orientale, é attiva dal 1987.

Lucia Lozupone, presidente Cnis Sicilia orientale

 

 

Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>